Dimensione Carattere: [+] | [-] | [S]tandard | Solo [T]esto | Ipo [V]edenti

»ENOGASTRONOMIA

GASTRONOMIA TIPICA
Crotone e il suo territorio hanno una cucina povera, ma di sapore robusto, con l’uso frequente di peperoncino piccante e di prodotti spontanei come: asparagi, cicoria, cipolline selvatiche, finocchio aromatico ecc.. Sua peculiarità è la “provvista” cioè l’uso delle massaie di preparare in casa particolari conserve da usare  poi sia come antipasti sia per arricchire piatti locali, che evitano di riportare, perché concessi a quasi tutta la Calabria.

 

CONSERVE

IMG1

 Sarza: passata di pomodoro aromatizzata con basilico conservata in   
 vetro  e sterilizzata per bollitura.
 Conserva: passata di pomodori e peperoncini piccanti rossi, bolliti 
 assieme e conservati come sopra.
 Pomodori sicchi: pomodori tagliati a metà, salati ed asciugati al sole,
 conservati in vasetti con olio, basilico, aglio, peperoncino, capperi e
 acciughe.
 Pipi salati: peperoni tondi verdi, tagliati a metà e conservati sotto sale
 e sotto pepe assieme a qualche fetta di melanzane e pomodori verdi.
 Pipi arrustuti: peperoni tondi, rossi arrostiti e conservati in vasetti di
 vetro sterilizzati per bollitura.
Mulinciane all’ogghio: melanzane tagliate a striscioline, salate, lasciate a 
macerare 24 ore in aceto bianco e conservate sott’olio con aglio peperoncino e 
alloro.

Filetto: pomodori tagliati a spicchi e conservati in vetro sterilizzate per bollitura.
Funci all’ogghio: funghi della Sila (vavusi, porcini, gallinedde, fedduriti, rositi, pinnedde) bolliti e conservati in vaso sott’olio con aglio, peperoncino, alloro.
Alive scacciate: olive verdi schiacciate e fatte addolcire in acqua e sale, poi aromatizzate con semi di finocchio, aglio e peperoncino, conservati sott’olio e sotto peso.
Alive alla cavucia: olive verdi fatte addolcire con calce e conservate con acqua e sale.
Sardeddra: avanotti di pesce azzurro salati e pepati con polvere di peperoncino rosso piccante, ricavandone una specie di rustico caviale.
Alici salate: acciughe conservate sott’olio.
Sarde salate: sarde conservate sotto sale e pepate con polvere di peperoncino rosso piccante.
Gnelatina: cotiche, testa e piedini di maiale bolliti, tagliati a striscioline con alloro, aceto, peperoncino rosso e lasciato solidificare. 

    
IMG2 
 

 Sazizze: salsicce fatte con carne di maiale, tagliata con il coltello, semi di finocchio, peperoncino rosso.
Suppressata: specie di salame fatto con lo stesso impasto delle salsicce ma conservato dopo la stagionatura
 in olio sotto peso.
Capiccoddru: specie di coppa con peperoncino rosso piccante.
Frisulimiti: residui di cotiche e grasso di maiale fatti consumare a lungo sul fuoco, con cui si prepara una pizza rustica.
Nduggh’a: salsiccia fatta con frattaglia di maiale.
Latticini tipici:
Provola, vari tipi di mozzarella, ricotta fresca, ricotta salata, pecorino, che a seconda della stagionatura
si usa a tavola per grattugiare, butirro (specie di piccolo caciocavallo nel cui interno è racchiuso burro).

PASTA FATTA IN CASA

IMG3
Cavateddri: specie di gnocchetti cavati su di un apposito cesto di vimini (cernigghiu)
Maccarruni: specie di maccheroncelli  corti ricavati sfilando  l’impasto con un apposito ferretto.
 
Entrambe le paste fatte con farina di grano duro, acqua e sale si condiscono di solito con ragù di maiale.

 

DOLCI

IMG4

Crustoli: dolce natalizio fatto con farina di grano duro, zucchero, olio, vino rosso, cannella, garofano e miele.
 
Tardiddri: dolce natalizio fatto con farina di grano tenero, uova, zucchero, liquori e miele.
 
Pitta da Madonna o pitta nchiusa: dolce realizzato con impasto uguale a quello dei crustoli, ma spianato e tagliato a strisce sulle quali si mettono: mandorle, noci tritate, e uva passa. Si arrotolano a forma di rosette e si collocano su di una base dello stesso impasto a formare un tortino.
 
Sanguinazzu: sangue di maiale, vino cotto, zucchero, cioccolato fondente, mandorle, noci e pinoli.
 
Cuzzupa: farina di grano tenero, uova, strutto, latte, zucchero, lievito. Questo dolce pasquale viene fatto a forma augurali: pesce, colomba, cestino, cuore, bambola, ricoperto di albume montato con zucchero (annaspru) e di zuccherini colorati su cui sono poste delle uova sode.

Vini:

La zona del crotonese è ricca di vini pregiati, si ricordano: il Cirò Melissa, Val di Neto, Sant’Anna, nelle varietà rosso, rosè, bianco.


[L'ISTITUZIONE] [ TERRITORIO] [COSA VUOI FARE] [INFORMAZIONE] [PARTECIPAZIONE]

Copyright 2007 - Provincia di Crotone - Tutti i diritti sono riservati. | mappa del sito | note legali | Privacy policy | credits | area riservata

[ W3C HTML 4.01 ] [ W3C CSS ] [ W3C WAI-AAA ]