Dimensione Carattere: [+] | [-] | [S]tandard | Solo [T]esto | Ipo [V]edenti

»IL PECORINO CROTONESE

Pecorino antico e rinomato, a pasta dura, prodotto esclusivamente con latte di pecora di razza Gentile (una delle grandi razze ovine autoctone italiane) e caglio di capretto dall`azienda agricola Maiorano a Pudano di Crotone. Nasce in un territorio ricco di pascoli estensivi in quella fetta di Calabria che dalla Sila guarda al Marchesato e al mar Ionio. E`l`interno della provincia di Crotone, angolo d`Italia capace di evocare le immagini bucoliche della Magna Grecia. A partire proprio dalla pastorizia che da sempre offre questo saporito pecorino solare a pasta semicotta, compatta, con rare occhiature dalle quali escono lacrime di grasso. La stagionatura del pecorino Crotonese va dai 4 mesi ai 2 anni. Le forme si presentano cilindriche, di peso tra i 2 e i 7 kg., con i segni beni visibili del canestro in cui è stata versata la cagliata. Il sapore è dolce, pieno, ma delicatamente armonioso. Un pecorino così casca proprio come il cacio sui maccheroni: è infatti uno dei più grandi pecorini da grattugia italiani (se ben stagionato).

 

pecorino crotonese foto2 Foto 


Pecorino Crotonese, che nasce in un territorio ricco di pascoli estensivi. Una delle più antiche fonti storiche che documentano l’arte di prepararlo risale al 1759. Curiosi e significativi sono anche i libri contabili di un latifondista del ‘800, che testimoniano l’entità della produzione di questo formaggio immancabile nel pasto dei contadini al “campo“: ad esempio nel 1839 ne vennero prodotte oltre centodiecimila forme.

Lo si trova in forme cilindriche che possono spaziare dai 2 ai 7 Kg. La forma conserva impressa i segni del canestro in cui viene posta la cagliata. Segno distintivo del prodotto è il tipico colore ocra della crosta. La pasta invece è compatta, di colore tendente al giallo chiaro, se fresco, giallo/ocra con rare occhiature da cui escono lacrime di grasso, se stagionato. Il sapore è una vera squisitezza; estremamente saporito a tratti quasi piccante nelle forme stagionate, più gentile al palato nelle forme meno stagionate. La differenza è dovuta come sempre alla stagionatura che può andare da un minimo di 4 mesi fino a raggiungere i 2 anni. Le forme stagionate sono ottime anche da grattuggiare su un buon piatto di pasta. Così come l'accostamento ad altri prodotti tipici (pomodori secchi / peperoncini sott'olio / cipolle di tropea sott'olio) ne rende unica l'unione.
Da abbinare rigorosamente ad un buon vino locale. 


Crotone, Valorizzare il pecorino crotonese

L’assessorato alle Attività produttive della Provincia di Crotone ha promosso per il 2006 “L’Anno del pecorino crotonese”. L’iniziativa, denominata “For Maggio”, “mira - riferisce l’assessore Francesco Pugliano - al recupero produttivo delle più antiche tradizioni casearie locali ed alla riscoperta del legame biologico tra pascolo e agricoltura. L’Amministrazione Provinciale intende sostenere tecnicamente e valorizzare con appropriate azioni di comunicazione, la filiera agroindustriale ovicaprina e specificatamente il pecorino crotonese. Nel corso del 2006 l’Amministrazione provinciale intende porre al sistema economico produttivo territoriale un complesso di sfide finalizzate al recupero produttivo specie per come si è storicamente sedimentato e strutturato nel sistema agricolo del latifondo crotonese, alla riconquista legittima del primato storico di prima provincia calabrese dei formaggi, affiancando al pecorino altri prodotti tipici, in maniera da poter definire il territorio di Crotone, “Provincia del Formaggio tipico calabrese”.

 

Copyright 2007 - Provincia di Crotone - Tutti i diritti sono riservati. | mappa del sito | note legali | Privacy policy | credits | area riservata

[ W3C HTML 4.01 ] [ W3C CSS ] [ W3C WAI-AAA ]